Centro Alzheimer Roma: associazioni, case di cura, cliniche private, centri diurni e badanti specializzate

In questo articolo vi daremo tutte le informazioni a proposito di associazioni, case di cura, centri diurni, cliniche private e servizi di badanti specializzate nella cura di pazienti affetti da morbo di Alzheimer nella città di Roma.

Il tema è delicato e urgente per molte persone: la malattia di Alzheimer-Perusini, nota ai più come morbo di Alzheimer, è una delle forme di demenza senile progressivamente invalidanti più diffuse, che si manifesta in età presenile e affligge milioni di anziani in tutto il mondo, provando duramente sia chi ne è colpito ma anche le famiglie e le persone vicine ai malati. I sintomi del morbo di Alzheimer, infatti, si manifestano quando il paziente ha circa 65 anni di età e si traducono in perdita progressiva della memoria, disorientamento spazio-temporale, depressione, disturbi comportamentali, incapacità di prendersi cura di sé. L’aspettativa di vita di chi soffre di questo grave disturbo neuro-cognitivo è dai 3 ai 9 anni dal primo manifestarsi dei sintomi. Si comprende facilmente quindi come molte famiglie a Roma e nel mondo si trovino a fare i conti con le difficoltà legate alla gestione quotidiana di parenti con il morbo di Alzheimer e come sia perciò per tutti loro di estrema importanza poter contare su associazioni, cliniche e strutture specializzate nel prendersi cura di questi pazienti fragili e non autonomi e che possano “alleggerire” quindi il vissuto quotidiano sia dei malati che dei loro familiari.

Associazioni Alzheimer a Roma

A Roma opera da anni, a sostegno dei malati di Alzheimer e delle loro famiglie, l’Associazione Alzheimer Roma Onlus, con sede in via Monte Santo, 54 00195 Roma e risponde al numero telefonico 0637500354. La mission fondamentale dell’Associazione è quella di affiancare i famigliari dei malati di Alzheimer offrendo aiuto concreto, sostegno e informazioni. Chi si rivolge all’Associazione Alzheimer Roma può infatti ricevere indicazioni su come gestire nel modo migliore la malattia mediante colloqui con assistenti sociali, psicologi e altre figure professionali specializzate nel settore. L’Associazione mette anche a disposizione consulenze e assistenza legale, psicologica e amministrativa e organizza incontri individuali o di gruppo, gruppi di ascolto e corsi di formazione aperti ad operatori e parenti dei malati. Presso l’Associazione è possibile anche reperire informazioni su quali sono gli iter burocratici da affrontare per vedere riconosciuti di diritti sociali del malato in modo da poter accedere a strutture di cura pubbliche o private che possano prendersene cura, su come ottenere assistenza domiciliare e su come gestire la persona malata all’interno della famiglia. Ovviamente, l’Associazione svolge anche incontri in cui illustra i sintomi che preludono al manifestarsi della malattia e fornisce informazioni rispetto al riconoscimento preventivo dell’insorgere della patologia. A livello pubblico e sociale, l’Associazione si batte per il riconoscimento del diritto di cura del malato e di assistenza delle famiglie dei pazienti, per tutelare sia essi stessi che i loro congiunti e forma personale e operatori specializzati sulla malattia.

Ma a Roma è attiva anche un’altra realtà associativa molto agguerrita: si tratta di SOS Alzheimer, associazione di volontariato che si spende per far sentire la voce dei malati e delle loro famiglie a livello pubblico. L’Associazione può essere contattata al numero 3332611370 o via mail all’indirizzo info@sosalzheimer.it e si possono ottenere maggiori informazioni visitando il sito web sosalzheimer.it. L’Associazione si occupa principalmente di fornire servizi ai malati e ai loro famigliari, come l’organizzazione di visite mediche geriatriche e neurologiche, riabilitazione neuropsicologica, attività di stimolazione cognitiva, percorsi di formazione e di assistenza psicologica per famigliari, caregivers e operatori, consulenza legale e fiscale, formazione di badanti, infermieri, educatori, terapisti occupazionali, logopedisti, di divulgazione rispetto all’Alzheimer mediante convegni e tavole rotonde. L’Associazione offre anche la disponibilità di volontari per lo svolgimento di pratiche quotidiane e presso l’ospedale romano Sant’Andrea è presente lo sportello SOS Alzheimer, al quale è possibile rivolgersi in prima persone, così come al “Salotto Alzheimer”, presso la parrocchia di Santa Edith Stein, in via Siculiana, 160.

Case di cura e cliniche private per malati di Alzheimer a Roma

A Roma sono ovviamente presenti numerose case di cura che accolgono i pazienti affetti da morbo di Alzheimer e se ne prendono cura. Molte di queste strutture sono private ed offrono assistenza completa ai pazienti affetti da demenza senile, sia dal punto di vista psico-fisico che neuro-cognitivo e comportamentale.

Tra queste annoveriamo la Casa di riposo Isola Madre, in via Isola Madre 15, che accoglie anziani non più autosufficienti e perciò non più in grado di potersi prendere cura di sé o del proprio domicilio. A questi pazienti è garantito un soggiorno piacevole ed umano, ricco di servizi socio-assistenziali e sanitari. Particolare importanza è prestata alla creazione di relazioni all’interno del gruppo di pazienti e sono particolarmente curati anche i rapporti tra pazienti e personale medico e infermieristico in servizio presso la struttura.

Villa Simona, in via Villabassa 32, si rivolge a pazienti non più autosufficienti, accompagnandoli in un percorso che prevede assistenza socio-sanitaria, psicologica e fisica 24 ore su 24. Anche in questa casa di cura riveste un ruolo centrale la socializzazione tra degenti che è favorita ed incentivata attraverso attività ricreative e di stimolazione neurologica e fisica che coinvolgano il gruppo dei pazienti su base quotidiana.

Il Centro Santa Maria della Provvidenza – Struttura Santa Maria Goretti, in via Casal del Marmo, 401, attivo dal 2012, è dotato di 30 posti letto riservati alla riabilitazione di pazienti affetti da disturbi neuro-motori e da demenza senile. Il team della casa di cura ha competenze multidisciplinari ed offre assistenza ai pazienti a 360°. Gli spazi della casa di cura sono stati pensati al fine di stimolare l’attività neurologica dei pazienti: i colori, l’illuminazione, l’ampiezza degli ambienti, l’assenza di superfici instabili e di suppellettili fragili, gli arredi senza spigoli, le indicazioni segnalate chiaramente rientrano nel progetto alla base dell’attività di questo centro, che punta a far recuperare funzionalità neuro-motorie ai pazienti e a stabilizzarle. Il centro offre anche servizio di assistenza domiciliare per un massimo di 20 pazienti.

Villa Romani, in via del Prato Fabio, 11, è una struttura destinata all’assistenza dei malati di demenza senile immersa nel bellissimo parco regionale dei Castelli romani: essa si sviluppa su due piani collegati da ascensori e dispone di 19 posti letto in camere singole e doppie. La struttura ha un ampio giardino, terrazze e offre scorci naturalistici suggestivi. Qui i pazienti ricevono assistenza medica ed infermieristica e svolgono attività di riabilitazione psico-motoria e neuro-cognitiva seguiti passo passo da personale specializzato e qualificato. Tra i servizi offerti da Villa Romani rientrano attività ludiche come la Pet Therapy e la musicoterapia. Come le altre case di cura di cui abbiamo parlato, Villa Romani offre servizio di ristorazione e servizio di assistenza religiosa.

In provincia di Roma è attiva anche la casa di riposo Villa delle Rose in via del Divino Amore, 22/A a Marino (Roma), struttura di eccellenza dedita all’assistenza agli anziani autosufficienti e non: particolare cura ed attenzione è rivolta ai malati di demenza e Alzheimer, ai quali sono riservati percorsi clinici e di riabilitazione specifici, condotti da personale altamente qualificato. La struttura può essere contattata al numero 0643418212 e maggiori informazioni sono disponibili sul sito: villadellerose.it. Villa Vissia, in via Ottavio Morisani, 63, 00189 Roma è un’altra clinica privata che accoglie pazienti autosufficienti e non, prendendosi cura di loro con assistenza qualificata e provvedendo alle necessità fisiche e psichiche degli ospiti. La struttura è contattabile via mail all’indirizzo magi1975@legalmail.it. Infine, ad Ardea, in provincia di Roma, è operativa la casa di riposo Domus Santa Rita, aperta a pazienti autosufficienti e non dal 2005, che da sempre presta particolare attenzione ed un’attività assistenziale di alto livello ai malati di Alzheimer. La struttura si trova in riva al mare ed è un luogo di tranquillità e pace in cui i pazienti e ospiti possono ritrovare serenità e incentivo a proseguire nel percorso riabilitativo. La casa di riposo si trova in via Bolzano, 32 a Marina di Ardea e risponde al numero 069134668.

Centro Diurno Alzheimer a Roma

Proseguiamo questa ricognizione delle strutture romane specializzate nel trattare i malati di Alzheimer esaminando i servizi offerti dal Centro Diurno Alzheimer, un servizio socio-sanitario integrato messo a disposizione dal comune di Roma che si rivolge alle persone affette dalla malattia di Alzheimer (ma anche da altre forme di demenza senile) e alle loro famiglie, presente in molti quartieri e municipi della capitale. Il Centro Diurno Alzheimer di Roma fonda la sua attività sulle competenze di personale altamente qualificato: presso di esso sono infatti sempre presenti un educatore professionale, un fisioterapista, uno psicologo, un OSS, un infermiere, un geriatra ed un neurologo. Il costo del servizio è proporzionato al reddito ISEE, che l’utente dovrà quindi produrre al momento della presentazione della domanda di ammissione al Centro Diurno Alzheimer.

Per accedere al servizio il familiare del paziente (o il paziente medesimo, qualora ne sia in grado), può rivolgersi alla Porta Unica di Accesso (P.U.A.) oppure al Segretariato Sociale del Municipio di residenza, che raccoglie le richieste di ammissione al Centro Diurno Alzheimer e le fa pervenire all’assistente sociale di riferimento affinché le analizzi ed effettui l’accettazione, partendo dal presupposto che lo status clinico del paziente è il criterio fondamentale per l’assegnazione dell’assistenza erogata dalla struttura. A tale domanda bisogna allegare un documento di identità in corso di validità, il certificato rilasciato dal Centro Demenze non prima dei sei mesi precedenti al momento della domanda, il verbale di invalidità civile e/o L. 104/92 art. 3 comma 3 (Handicap grave), qualora se ne possegga uno, l’ultimo modello ISEE rilasciato dal CAF, in base al quale viene calcolata la quota contributiva. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il Responsabile tecnico del Servizio Anna Vittoria De Luca (Assistente Sociale) al numero telefonico 06671076083 o via mail all’indirizzo annavittoria.deluca@comune.roma.it, oppure il Responsabile amministrativo Maria Teresa Franco (F.A.) al numero 0667105219 o via e-mail all’indirizzo mariateresa.franco@comune.roma.it La domanda per l’assegnazione dell’assistenza può essere scaricata anche online sul sito istituzionale del Centro Diurno Alzheimer: https://www.comune.roma.it/pcr/it/strut_semiresid_anziani.page.
I Centri Diurni che fanno capo a questo servizio integrato offrono una serie di servizi davvero preziosi per le famiglie dei malati: per prima cosa sono aperti 6 giorni su 7, con frequenza a giorni alterni dalle ore 8:00 alle ore 17:00.

I Centri Diurni offrono servizio di ristorazione, garantendo agli ospiti la colazione, il pranzo e la merenda; gli OSS offrono inoltre servizio di assistenza ai pazienti, occupandosi anche della loro igiene personale. Il personale specializzato in attività presso i centri propone attività di animazione e di stimolazione cognitiva, di orientamento alla realtà e laboratori finalizzati allo svolgimento di lavoretti manuali, canto, ballo, giardinaggio, pittura, disegno finalizzati a sollecitare la funzionalità neuro-cognitiva dei pazienti. Inoltre, sempre in quest’ottica, agli ospiti sono destinati servizi di animazione sociale e di promozione delle attività ricreative e culturali, proposti sovente in collaborazione con altre associazioni e altri enti che operano sul territorio. Ai pazienti viene anche presentata la ginnastica dolce, attività motorie di gruppo, terapie occupazionali. Il personale infermieristico è sempre presente, come quello medico, al fine di eseguire prestazioni in caso di necessità. Il servizio medico invece attua valutazioni neurologiche o geriatriche e si occupa di programmare controlli periodici. Le famiglie dei pazienti non vengono lasciate sole in questi difficili momenti: è operativo un servizio a loro sostegno che prevede corsi di formazione e di informazione per permettere ai famigliari di imparare a trattare dal punto di vista sanitario il paziente di Alzheimer. Inoltre, è attivo il servizio di segretariato sociale che svolge attività di orientamento e consulenza per permettere alle famiglie e ai malati di accedere ai servizi sociali e sanitari in modo adeguato. Infine, su richiesta, tali centri possono provvedere al trasporto dei pazienti da casa al Centro e viceversa.

I Centri Diurni si dividono in quelli riservati a pazienti medio-lievi e gravi; tra i medio-lievi troviamo il Centro diurno “Incanto Home” in via Isola Madre, 15 (tel. 06 92594527), il Centro diurno “Arcobaleno” in via Gioacchino Ventura, 60 (tel. 06 6147347 – fax. 06 6147364), il Centro diurno “Hansel e Gretel” in via Torrespaccata, 157 (tel. e fax 06 23268080), il Centro diurno “Il Pioppo” in via Portuense, 220 (tel. 06 5561952 – fax 06 89682009); per i pazienti più difficili da gestire sono invece operativi  il Centro diurno “Sole e Luna” in via Gioacchino Ventura, 60 (tel. 06 6147347 – fax. 06 6147364), il Centro diurno Parco di Veio in via Rocco Santoliquido, 88; il Centro diurno “Le Betulle” in via Salorno 79/81 (tel. 0650913772).

Badanti specializzate per persone con Alzheimer a Roma

Per coloro che invece sono in cerca di una soluzione differente da quelle previste per assistere e gestire un famigliare affetto da malattia di Alzheimer, le badanti specializzate possono essere una soluzione efficace e funzionale. Le badanti sono persone che hanno ricevuto, per lo meno nella maggior parte dei casi, una specifica formazione in ambito sanitario per prendersi cura delle persone colpite da varie forme di demenza senile, e che mettono a disposizione le loro competenze per assistere il malato durante la giornata e, in molti frangenti, anche durante la notte, con un servizio h24. A Roma opera Family Care, una azienda specializzata nei servizi alla persona, che offre il servizio Badante Roma, cioè badanti specializzate nell’assistenza ai malati di Alzheimer, adeguatamente formate per prendersene cura e disponibili h24.

Le badanti specializzate, che possono essere sia straniere che italiane, offrono servizio domiciliare alle famiglie che lo richiedano sia per alcune fasce orarie della giornata che 24 ore su 24: i prezzi del servizio variano ovviamente in base del tipo di impegno orario ma Family Care ha come mission fornire il servizio a prezzi accessibili a tutte le tasche. Ulteriori informazioni sul sito familycare-roma.it. A Roma offre anche assistenza a malati di Alzheimer e ad anziani non autosufficienti la Cooperativa Sociale Apes, contattabile al numero 349 801 2920 e via mail all’indirizzo info@apesassistenzafamiglia.it; Apes mette a disposizione delle famiglie badanti specializzate per assistenza domiciliare h 24, diurna in modalità lungoraria per tutti o alcuni giorni della settimana, assistenza notturna (dalle ore 20:00 alle ore 8:00) o servizio di sostituzione badante, nei casi in cui la badante di riferimento sia in ferie o malattia o debba assentarsi per periodi più o meno estesi. Inoltre, le badanti specializzate e opportunamente formate da Apes effettuano assistenza ai pazienti anche presso strutture ospedaliere e cliniche pubbliche o private, in casi di ricovero e degenza lunga o breve. Ulteriori informazioni sui servizi messi a disposizione sono disponibili sul sito web: apesasssistenzafamiglia.it.

Infine, a Roma sono consultabili online diversi servizi legati al reclutamento di badanti specializzate e formate: la cooperativa Assistere si occupa proprio di trovare la badante più idonea alle situazioni delle famiglie che la interpellano per la gestione del malato di Alzheimer e di fornire assistenza e collaborazione dal punto di vista della gestione amministrativa, economica, assicurativa ecc. della badante. I riferimenti della cooperativa Assistere sono I numeri di telefono 06 39377159 e 06 39915175 e l’indirizzo e-mail info@assistere.net. Sul sito assistere.net sono inoltre riportate tutte le tipologie di servizi che la cooperativa può mettere a disposizione delle famiglie che si trovino ad affrontare il non facile compito di gestire un malato di Alzheimer.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *